Vincenzo Costanzo Butterfly Teatro la Fenice di Venezia

Apprezzato per “l’accattivante colore vocale e gli acuti spavaldi” e per “la grande intensità e la tangibile emozione” (OperaClick), Vincenzo Costanzo è uno dei più giovani tenori del panorama lirico internazionale.

Nato nel 1991, entra a far parte del coro di voci bianche del Teatro San Carlo di Napoli all’età di sei anni. Studia pianoforte e solfeggio privatamente, per poi diplomarsi al Conservatorio. Parallelamente si laurea in Ingegneria Informatica, proseguendo lo studio del canto privatamente. Vincitore nel 2014 dell’Oscar della Lirica (premio Tenore New Generation) a Doha, in Qatar, e del concorso Voci Verdiane di Busseto, nonostante la sua giovane età Vincenzo Costanzo ha già avuto l’opportunità di collaborare con direttori di fama internazionale come Daniel Oren, James Conlon e Myung-whun Chung.

Nel dicembre 2012 debutta nel Macbeth di Giuseppe Verdi al Teatro Carlo Felice di Genova, con la direzione di Andrea Battistoni. Tra gli altri ruoli verdiani interpreta Rodolfo nella Luisa Miller a Busseto (2013), con la direzione di Donato Renzetti e la regia di Leo Nucci, in occasione del bicentenario della nascita di Verdi. Nel settembre dello stesso anno debutta nel ruolo di Alfredo Germont ne La traviata diretta da Daniel Oren all’Opera di Guangzhou, nell’allestimento della Royal Opera House di Londra. Dopo l’esperienza in Cina, prende parte all’allestimento de La traviata

al Teatro alla Scala di Milano per l’inaugurazione della Stagione 2013/2014. Nel febbraio 2014 debutta nel ruolo di Pinkerton nella Madama Butterfly al Maggio Musicale Fiorentino sotto la direzione di Juraj Valčuha, e successivamente interpreta lo stesso ruolo alla Fenice di Venezia e al San Carlo di Napoli. 

Più recentemente canta ne La bohème (Rodolfo) a Palermo, nella Luisa Miller (Rodolfo) al Teatro Real di Madrid e nel Nabucco alla Reggia di Caserta. Nell’ottobre 2016 debutta nel ruolo di Riccardo in Un ballo in maschera di Verdi ed è inoltre ospite all’AIDS Gala tenutosi presso la Deutsche Oper di Berlino, dove precedentemente ha debuttato come Alfredo ne La traviata.

È reduce dal successo come Pinkerton nella Madama Butterfly a San Francisco, che ha segnato il suo debutto negli Stati Uniti: “Costanzo ha portato una qualità lirica che ha arricchito le melodie sensuali del duetto d’amore che chiude il primo atto. Il suo Pinkerton ha quella ‘spavalderia’ che è appropriata ad un personaggio che non dà conto delle conseguenze a lungo termine delle sue azioni” (Opera Warhorses). 

Tra i suoi recenti e futuri impegni: Un ballo in maschera a Ravenna, Macbeth a Palermo, Madama Butterfly a Madrid e a Venezia, La rondine a Berlino, Simon Boccanegra a Liegi, La bohème a Salisburgo, a Bologna e alla Staatsoper di Berlino.

Rispondi